“La bresaola contiene istamina!”: ecco di cosa si tratta, incredibile

L’istamina si trova naturalmente nella maggior parte degli alimenti vegetali o animali e agisce come mediatore chimico in alcune reazioni nel nostro corpo. Livelli molto elevati di questa sostanza nel corpo possono portare a vari sintomi di allergia.

Cos’è l’istamina

I nostri corpi producono istamina quando entrano in contatto con qualcosa a cui siamo particolarmente sensibili, che può essere cibo, piante, acari della polvere, ecc. Alcuni alimenti contengono elevate quantità di istamina. Tra questi abbiamo trovato il tonno, ma non era l’unico. Molti alimenti contengono istamina e alcuni ne contengono più di altri. Di solito non ci preoccupiamo di questo perché un organismo sano è in grado di controllare la presenza di istamina negli alimenti grazie all’azione della diaminoossidasi (DAO) nell’intestino tenue, che ne blocca l’assorbimento.

Tuttavia, quando questo enzima non svolge correttamente il suo compito, nella maggior parte dei casi, ci troviamo di fronte a un’intolleranza all’istamina a causa di quantità insufficienti per gestire l’istamina.

In questi casi, anche con orticaria, dermatite o altri problemi legati all’istamina o esacerbati, è bene conoscere gli alimenti che contengono più istamina o fanno sì che il nostro corpo rilasci più istamina. Una dieta a basso contenuto di istamina può aiutare con problemi e sintomi, ma assicurati di consultare uno specialista. Ora vediamo quali alimenti contengono più istamina.

Cibi che contengono più istamina

Molti alimenti contengono istamina, ma i livelli di questa sostanza possono aumentare, soprattutto dopo una certa manipolazione del cibo. La formazione dell’istamina, infatti, richiede condizioni specifiche per svilupparsi, che esistono quando il prodotto viene stagionato, fermentato, stagionato o conservato per lunghi periodi in magazzini.

Quindi nella lista degli alimenti con più istamine troviamo: formaggio, salame e speck, vino rosso e frizzante, pesce e frutti di mare, salsa di soia, ketchup e aceto, crauti, lievito, e alcune verdure, tra cui pomodori, spinaci e melanzane. Particolare attenzione dovrebbe essere prestata al pesce, che può nuocere gravemente alla nostra salute se conservato per troppo tempo o in modo improprio perché contiene troppa istamina. Più pericolosi a questo proposito sono i cibi in scatola come tonno, sgombro, sardine e aringhe. In effetti, abbiamo già segnalato avvertenze alimentari sugli alti livelli di istamina nel tonno o nei filetti di acciughe.

Ricapitolando cibi ricchi di istamina sono:

• cibi stagionati
• cibi conservati a lungo nei magazzini
• cibi fermentati
formaggi
• salame
• speck
• pesce (soprattutto tonno, sgombro, sardine e aringhe)
• frutti di mare
• vino rosso
• spumante
• ketchup
• salsa di soia
• aceto
• crauti
• pomodori
• melanzane
• spinaci

Antistaminici naturali

Puoi gestire l’istamina non solo osservando la tua dieta, ma anche usando alcuni rimedi naturali che sono considerati antistaminici naturali. Questi includono vitamina C, flavonoidi, omega 3, zenzero, camomilla, echinacea, finocchio, aglio e radice di liquirizia. Viene spesso utilizzato lo zucchero di canna, che è un rimedio naturale prima di tutto per molti tipi di allergie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.