Bitcoin, anche il Paraguay è pronto a renderlo legale

Dopo la recente notizia che ha i crismi di un’ufficialità vera e propria da parte del presidente di El Salvador in merito ad una vera e prorpia legalizzazione di Bitcoin, il piccolo stato centro americano potrebbe non essere l’unico a compiere questo importante passo.

Paraguay “Bitcoin free”

E’ il Paraguay la nazione in questione: attraverso le parole del deputato Carlitos Rejala ha comunicato sui social che nel giro di pochi giorni sarà reso noto un progetto tecnologico riguardante il paese, citando apertamente Bitcoin, assieme a Paypal.
L’intenzione pare quella quindi di fare da “pioniere”, ufficializzando la principale criptovaluta come moneta valida a tutti gli effetti, anche perchè Paraguay detiene una moneta sovrana, il Guarani, a differenza di El Salvador che utilizza i dollari statunitensi.

Le motivazioni

L’idea è ovviamente quella di “opporsi” alle posizioni piuttosto rigide delle altre nazioni nei confronti delle criptovalute, anche dopo le oramai celebri parole di Elon Musk che ha fatto calare di molto l’ascesa di Bitcoin, la prima crypto in assoluto, che è stata “accusata” di fornire campo libero per gli evasori fiscali e favorire il riciclaggio (mentre Musk ha motivato il proprio dietro front dietro motivazioni ambientali), la situazione è ovviamente diversa dalle nazioni che hanno delle economie decisamente differenti dalle superpotenze.
Paesi con un PIL basso hanno un interesse ad attrarre gli investitori stranieri.
Molto probabile quindi un disegno di legge da parte dello stato sudamericano che preveda diverse agevolazioni in fatto di tassazione per chi adoperi le criptovalute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *